fbpx

Göbekli Tepe il sito archeologico che riscrive la Storia dell’uomo

Gli scavi di Göbekli Tepe hanno portato alla luce un sito molto importante, datato tra il X e il IX millennio a.C., che ha portato ad una comprensione totalmente nuova di quel processo che portò alla sedentarizzazione, e alla conseguente nascita dell’agricoltura.

Continua a leggere

l’Inferno di Sonnenburg e dei prigionieri politici del Terzo Reich

Quello di Sonnenburg fu tra le più “efficienti” strutture del Terzo Reich per via della violenza dei metodi di tortura utilizzati a danno dei prigionieri e ricevette per questo dai suoi sopravvissuti l’appellativo di Folterhölle, cioè l’Inferno della tortura.

Continua a leggere

Micene, l’antica potenza bagnata dal sangue degli Atridi

Situata nel margine settentrionale della piana argolidea Micene è stata la più grande potenza militare e commerciale della Grecia micenea, il periodo che grossomodo va dal 2000 al 1600 a.C., dominando un complesso sistema di centri satelliti come Tirinto, Midea e Argo.

Continua a leggere

La reggia di Versailles, cuore di Francia

La reggia di Versailles è oggi uno dei monumenti più visitati al mondo sia per lo straordinario palazzo che la caratterizza, che per le opere d’arte che contiene, nonché per il suo enorme e suggestivo parco. Certamente però ad attirare legioni di turisti vi è anche la storia che Versailles racchiude se non altro perché da quelle parti, a cavallo tra il XVII e il XVIII secolo la storia di Francia c’è passata più volte.

Continua a leggere

L’Oracolo di Delfi, il più famoso e temuto centro oracolare del mondo greco

Luogo sacro della “ierogamia”, cioè dell’unione tra il dio del cielo Urano e della terra Gea, secondo la tradizione mitica Apollo si recò sul Parnaso per uccidere il serpente Pitone e solo dopo la morte di questo ebbe inizio la storia del più potente e temuto luogo sacro della Grecia antica: l’Oracolo di Delfi.

Continua a leggere

L’Aquila e la sua storica resilienza: più volte ferita “resta salda” al suo posto

L’Aquila è oggi il capoluogo dell’omonima provincia e della regione Abruzzo e le ferite del passato hanno più volte segnato la Storia della città ma non l’hanno piegata, e il suo motto, che la indica simile ad una quercia capace di radicarsi salda al suo territorio, è lì a ricordarlo: “Immota manet” ovvero “Resta ferma”.

Continua a leggere