fbpx

Guelfi e Ghibellini: questione linguistica ed evoluzione diacronica dei termini

Tra le faccende che hanno caratterizzato l’Italia del passato, un posto d’onore spetta certamente al binomio “guelfi -ghibellini”, la cui contrapposizione ha sempre riscosso grande successo presso il pubblico più vario.

Continua a leggere

L’Inverno di Esiodo e la Natura che trattiene il respiro

L’Inverno che Esiodo ci descrive, è quello di Ascra, località alle falde dell’Elicona in Beozia nel VIII sec. a.C. Il suo è uno spaccato ricco di particolari del mondo contadino della Grecia, che può fornirci utili informazioni sulla vita, e sulle abitudini delle popolazioni del tempo.

Continua a leggere

Yggdrasill, Valhalla e Ragnarok: religione e miti dei vichinghi, i figli di Odino

Quello dei vichinghi è un universo mistico che si segnala per la presenza di moltissime contraddizioni, di informazioni spesso frammentarie e incomplete tali da lasciare interdetto il lettore odierno: religione e miti si fondono e sono così tanti i punti inconciliabili che ci si ritrova di fatto a chiedersi se si tratti di una conseguenza delle incomprensioni dei monaci medievali entrati in difficoltà con storie “vecchie” di quattrocento anni o se le incongruenze siano invece parte della cifra stilistica e culturale che avvolge quell’oscura tradizione mitologia.

Continua a leggere

La mappa di Vinland e la scoperta del sito archeologico di Anse aux Meadows

Se per secoli la letteratura e le suggestioni della mappa di Vinland hanno lasciato comprensibili dubbi sulla presunta “scoperta” dell’America da parte dei vichinghi ci ha pensato l’archeologia a fornire prove ben più convincenti in seguito all’identificazione di un villaggio vichingo nel sito canadese di Anse aux Meadows.

Continua a leggere

Celestino V, Dante e il “Gran rifiuto”

“Poscia ch’io v’ebbi alcun riconosciuto/vidi e conobbi l’ombra di colui/ che fece per viltade il gran rifiuto”. Attorno a questi versi della Commedia i commentatori danteschi hanno spesso indicato in Celestino V il protagonista del gesto che Dante però ha preferito celare dietro un ambiguo velo d’ombra.

Continua a leggere